Un orto all'asilo, il progetto italiano che unisce scuola e natura

Un asilo con orto è il progetto AS.IN.o dello studio Aut-Aut che ha vinto il concorso di idee per una scuola innovativa nella città sarda di Selargius

Una scuola accogliente che avvicini i bambini alla natura: era questo l’obiettivo che doveva raggiungere lo studio vincitore del concorso di idee indetto per la realizzazione di una nuova scuola dell’infanzia a Selargius, comune in provincia di Cagliari, per cui a servizio dell’asilo doveva esserci un orto botanico per le attività didattiche. A risultare come vincitore è stato il progetto AS.IN.O dello studio Aut Aut: l’acronimo significa “Asilo innovativo con orto”, un progetto di scuola moderna ma con riferimenti all’architettura locale.

Il progetto vuole inserirsi nel contesto urbano ispirandosi alla casa a doppia corte, tipica del territorio. Il corpo fabbrica principale è costituito dall’asilo vero e proprio caratterizzato da vetrate che affacciano sull’orto garantendo l’ampio ingresso di luce naturale: con due corti distinte, una pubblica e una privata, si ha un giardino botanico sulla parte anteriore e l’orto didattico per i bambini nella parte posteriore. Il tutto è circondato da un recinto di tre metri, intervallato da varchi che consentono l’accesso al giardino e alla scuola.

--pubblicità--

Così come nella struttura, anche la scelta dei materiali è ispirata alla tradizione locale: è stata utilizzata prevalentemente la terra cruda, materiale della tradizione sarda, economico, di facile uso e dalle alte prestazioni termiche. Inoltre sono previsti vetri basso emissivi e un isolamento termico garantito da materiali naturali; per la sostenibilità un dettaglio fondamentale è il recupero delle acque piovane. La volontà di ridurre al massimo emissioni e consumi grazie a sistemi attivi (pannelli solari e pompe geotermiche) e passivi (ventilazione naturale e il tetto-giardino piantumato a sedum) ha fatto sicuramente emergere il progetto dello studio Aut-Aut.

Photo credit: @Aut-Aut studio

LEGGI ANCHE: