Parma punta sulla mobilità sostenibile: la rivoluzione a partire dall'università

La città emiliana vuole essere tra le prime per mobilità sostenibile: ecco come Parma si sta trasformando in una smart city a partire dagli studenti universitari

La città di Parma è tra le prime dieci città in Italia per quanto riguarda la sostenibilità e la migliore per quanto riguarda la mobilità green (prima di Milano e Torino) secondo l’indagine Euromobility 2017: il tutto grazie a diverse iniziative che dimostrano il suo impegno nel volersi trasformare in un modello di smart city. L’ultima tra queste coinvolge direttamente gli studenti universitari per iniziare, attraverso di loro, una vera e propria rivoluzione nella mobilità sostenibile, grazie ad un accordo siglato dall’Università insieme a Infomobility.

Grazie al piano biennale saranno proposto a studenti e dipendenti dell’ateneo di Parma diverse promozioni valide fino a maggio 2020. Tra queste, l’abbonamento scontato ai servizi di car sharing, bike sharing (gratuito per i primi trenta minuti di utilizzo) e per il parcheggio custodito nella Cicletteria, il parcheggio nei pressi della stazione ferroviaria, per gli universitari. Gli incentivi vogliono promuovere una mentalità nuova in città a partire dagli studenti, che a Parma costituiscono una comunità che conta circa 28 mila persone.

--pubblicità--

L’iniziativa che coinvolge la comunità dell’ateneo di Parma è soltanto l’ultima in campo di mobilità sostenibile. Grazie al progetto “Parma, sostenibilità in azione!”, la città si è aggiudicata un bando promosso dal Ministero dell’Ambiente per realizzare interventi nel settore della mobilità: con un investimento di 960 mila euro saranno realizzate piste ciclabili, bike sharing e zone 30, con la collaborazione anche in questo caso dell’Università, per realizzare una linea ciclistica che unisca da nord a sud la città emiliana. Un’altra proposta, giunta dall’assessore comunale alla Mobilità, vuole rendere gratis il trasporto pubblico per i bambini fino agli undici anni, offrendo per ogni abbonamento di un genitore due abbonamenti gratuiti per i figli, in modo da incentivare l’utilizzo dei mezzi per tutta la famiglia. Una vera città modello!

Photo credit: Pixabay.it