Fonte: Pxhere

A marzo l’energia green prodotta ha superato il fabbisogno energetico del Portogallo continentale. Entro il 2040 le fonti rinnovabili soddisferanno per intero la richiesta del paese.

Il Portogallo stabilisce un record green davvero impressionante. Nel mese di marzo il piccolo paese europeo ha infatti prodotto più energie elettrica pulita rispetto all’energia consumata complessivamente dai suoi abitanti. Come riporta l’associazione portoghese per le energie rinnovabili (Apren), il mese scorso le fonti di energia green del paese hanno generato 4.182 gigawattora di elettricità, il 103,6% rispetto ai 4.647 gigawattora consumati in Portogallo. I dati si riferiscono solo al continente e non alle isole.

La produzione di energia pulita non è però stata sufficiente a coprire il fabbisogno energetico del Portogallo in modo costante perché, nel corso di marzo, ci sono stati alcuni momenti di flessione che hanno richiesto il ricorso alle fonti fossili. Il punto più basso di generazione di energia green è stato toccato il 7 marzo, quando è stato fornito l’86% dell’elettricità complessiva consumata nel paese. La punta massima è stata registrata invece l’11 marzo, quando è stato generato addirittura il 143% della domanda.

--pubblicità--

Entrando nel dettaglio della tipologia di energia green, in cima troviamo l’idroelettrico che ha soddisfatto il 55% del fabbisogno energetico, mentre dietro c’è l’eolico con il 42%. Tutta questa energia green ha permesso di evitare immissione di CO2 nell’atmosfera pari a 1,8 milioni di tonnellate. Alla luce di questi dati forniti dalla rete energetica nazionale, secondo le proiezioni degli esperti, entro il 2040, le fonti rinnovabili riusciranno a soddisfare il fabbisogno energetico del Portogallo continentale in maniera totale.

LEGGI ANCHE: INAUGURATO IN CINA IL PRIMO TRATTO DI AUTOSTRADA A ENERGIA SOLARE

Photo Credit Pixabay