Buckingham Palace in verde: l'iniziativa ecologica della regina Elisabetta

Colori e motivi tipici della foresta pluviale sulla facciata di Buckingham Palace: la residenza della regina Elisabetta si è colorata di verde per celebrare il suo progetto Commonwealth Canopy

Evento ambientalista da Londra, e più precisamente dal suo cuore, ovvero dall’amata regina Elisabetta, che nella serata dello scorso 15 aprile ha deciso di mostrare il lato green del suo regno direttamente dalle porte (più o meno) della sua casa: la residenza di Buckingham Palace.

Nel corso della serata infatti la residenza ufficiale della sovrana si è colorata di verde: sulla sua facciata è stato proiettato un motivo di luci e colori ispirato alla foresta pluviale. Piante, foglie e fiori tropicali intrecciati tra loro hanno colorato così Buckingham Palace, noto a Londra semplicemente come “The Palace”, per un’intera notte. L’iniziativa è stata voluta dalla regina Elisabetta per celebrare il “Queen’s Commonwealth Canopy”, il progetto dedicato all’ambiente lanciato da lei stessa nel 2015 per proteggere e valorizzare le aree verdi all’interno dell’organizzazione degli stati che in passato appartenevano all’Impero britannico, il Commonwealth appunto.

--pubblicità--

Il progetto ha portato così i paesi del Commonwealth a unirsi ancora in nome stavolta di una causa ambientalista, e la regina Elisabetta si sta dimostrando una fervida sostenitrice della piantumazione di alberi nelle foreste africane. Per questo impegno è stata particolarmente apprezzata dai sudditi e non solo: l’attrice Angelina Jolie si è dedicata alla realizzazione di un documentario, “The queen’s green planet”, andato in onda nei giorni scorsi nel Regno Unito, che racconta proprio il suo attivismo a favore dell’ambiente. Come raccontato dalla stessa Jolie, tra l’altro molto apprezzata dalla sovrana, la regina Elisabetta “vuole che i suoi nipoti vivano in un mondo migliore e più pulito dove si riconosca la vera importanza della natura e delle altre culture”. Una vera regina green!

Photo credit: @The Queen’s Commonwealth Canopy