Borgo dei borghi 2018, vince il comune medioevale di Gradara

Il piccolo comune medioevale di Gradara, nelle Marche, teatro dell’amore tragico di Paolo e Francesca cantato da Dante, si aggiudica l’edizione di quest’anno de “Il borgo dei borghi”, il contest lanciato dalla trasmissione Kilimangiaro

Supera diciannove borghi italiani piazzandosi davanti a Castroreale in provincia di Messina e Bobbio in provincia di Piacenza e vince l’edizione 2018 del contest “Il borgo dei borghi” lanciato dal programma di Rai3 Kilimangiaro: è Gradara, la piccola perla medioevale incastonata nelle colline marchigiane (in provincia di Pesaro Urbino) giudicata come il borgo più bello a conferma degli oltre cinquecentomila turisti che la visitano ogni anno. Il piccolo comune, teatro dell’amore tragico di Paolo e Francesca cantato da Dante, è il “monumento-museo” più visitato nelle Marche.

Affacciato sul mare, posto su una collina a poco meno di 150 metri di altezza, conservato tra cinta murarie e una fortificazione che rendono il borgo e il castello una delle strutture dell’epoca meglio conservate in Italia, Gradara ha visto nei secoli il passaggio di grandi importanti casate, dai Malatesta ai Borgia, dai Della Rovere ai Medici, sempre oggetto di scontro tra le Marche e la Romagna. Il suo castello, per l’appunto, è stato reso noto ed eterno dai versi del quinto canto dell’Inferno di Dante che con Paolo e Francesca ha descritto il dramma degli amanti tra cui Paolo, e il fratello Giangiotto, erano figli del signore di Gradara, Malatesta da Verucchio.

Una storia immortale che giustifica in parte il fascino che il borgo di Gradara esercita, e che comunque vive tutto l’anno con vari eventi grazie all’attività di associazioni e gruppi che lavorano insieme all’amministrazione comunale, che esulta per il risultato consapevole dell’ondata di turismo che il premio “Il borgo dei borghi” porterà con sé: dopo un pienone per Pasqua e Pasquetta, bisognerà lavorare per accogliere ancora più turisti, afferma il sindaco. Sicuramente si tratta di una meta da mettere in calendario!

Photo credit: Twitter.com

Exit mobile version