Verniciare casa in modo sostenibile: le pitture green con arancia e cacao

Nel mondo dell’edilizia ecosostenibile arrivano le nuove pitture green per interni realizzate grazie ad amido di mais, arancia e cacao: a presentarle è stato il gruppo Boero

Dagli scarti alimentari alle pitture green per interni: sono da ora disponibili anche le vernici ecosostenibili per costruire rispettando l’ambiente grazie al riutilizzo di amido di mais e scarti di arancia e cacao. A realizzare le nuove pitture green è stato il gruppo Boero che in collaborazione con il gruppo di ricerca Smart Materials dell’Istituto Italiano di Tecnologia ha messo a punto, dopo due anni di ricerche, un progetto volto a realizzare le Green Paints, delle vernici che incorporassero microparticelle di bioplastica a partire dagli scarti vegetali, quelli di arancia e cacao, in questo caso.

In laboratorio sono state quindi prima ottenute e poi testate microparticelle derivanti dall’amido di mais, di colore bianco, come alternativa alla tradizionale pittura bianca e opacizzante e per realizzare delle basi bianco-neutre da colorare nel modo tradizionale, in modo da avere un’intera collezione Green Colors a tinte unite; utilizzando invece le microparticelle provenienti da scarti di arancia e cacao sono state realizzate pitture green nei colori giallo arancia e marrone cacao, sfruttando i pigmenti naturali degli scarti. Le pitture, al momento sperimentali, sono in fase di test nel Centro di Ricerca e Sviluppo “Riccardo Cavalleroni”, sito all’interno del PST, il Polo Scientifico Tecnologico di Rivalta Scrivia nei pressi degli stabilimenti del gruppo Boero.

--pubblicità--

Un nuovo importante passo nel settore dell’edilizia, in cui la materia prima  delle pitture green proviene direttamente dagli scarti di lavorazione dell’industria agroalimentare: il progetto Green Paint dunque si colloca perfettamente in un contesto di economia circolare alla cui base vi è il recupero di scarti e materiali che, rigenerati, possono dar vita ad una nuova filiera produttiva anche in un settore opposto rispetto a quello di partenza.

Photo credit: Pixabay.it