Orca in cattività da 47 anni, potrebbe essere liberata dai nativi americani

0
1515
Orca in cattività da 47 anni, potrebbe essere liberata dai nativi americani

A Miami c’è un’orca tenuta in cattività per intrattenimento da ben 47 anni. Ma la tribù di nativi americani Lummi potrebbe liberarla e riportarla in mare.

L’orca, da 47 anni in cattività, viene tenuta nel Miami Seaquarium come animale da intrattenimento. Da decenni associazioni animaliste stanno cercando di liberare l’animale acquatico, ma l’organizzazione Peta ha perso una causa proprio nel luglio 2015, due mesi dopo che il Servizio Nazionale per la pesca marittima aveva riconosciuto le orche come specie in via di estinzione. Il motivo? La Corte d’Appello federale non ha ritenuto che “le condizioni della sua prigionia rappresentino una minaccia grave per Lolita (questo il nome dell’Orca ndr)”, si legge su La Stampa.

A cambiare le carte in tavola oggi potrebbe essere la tribù dei nativi americani Lummi, gli unici ad essere legalmente autorizzati a prendere in custodia l’animale poiché, secondo un trattato del 1855,  le acque dove è stata catturata Lolita (il mare di Salish) e le aree circostanti sono state la casa dei Lummi per 12 mila anni.

Nello specifico questo trattato, chiamato di “Point Elliot” e firmato nel 1855, prevede che i Lummi abbiano il diritto legale di proteggere le loro terre costiere, l’acqua e appunto gli animali che vi si trovano. Alla luce del fatto che le orche sono state recentemente dichiarate in via d’estinzione e che i Lummi dovrebbero essere quindi i loro “guardiani” la custodia dell’animale alla tribù appare un processo naturale. Il consiglio dei Lummi si è già detto favorevole all’accogliere Lolita, regalandole gli ultimi anni di vita in totale libertà e in un ambiente protetto.

LEGGI ANCHE: DUE NUOVE AREE MARINE ALLE SEYCHELLES GRAZIE AL SOSTEGNO DI DICAPRIO

Photo Credit Pexels