Nasce una app per trovare su una mappa i migliori panini italiani

Si chiama PaninoItaliano l’app che raccoglie gli indirizzi in cui mangiare i migliori panini di tutta Italia: dallo street food ai burger gourmet, dalle versioni vegane a quelle con il pesce crudo, la mappa per soddisfare tutti i gusti a portata di smartphone

Il panino è quel cibo che negli anni più si evoluto e innovato, aprendosi a praticamente tutti gli ingredienti e trovando posto nei menù dei fast food e dei ristoranti stellati, dei bar e dei chioschetti da strada: sempre più gusti, formati e versioni perfetti per soddisfare tutti. Nasce così PaninoItaliano, la prima app che raccoglie una mappa grazie a cui trovare tutti i migliori panini da assaggiare nella nostra nazione per meglio orientarsi nella vasta offerta gastronomica.

L’app nasce dall’idea della fondazione culturale “Accademia del Panino Italiano” che vuole difendere e definire l’identità di un cibo che ormai è simbolo della cultura gastronomica made in Italy, e organizza corsi di formazione, mostre e incontri sia per professionisti che per semplici appassionati a cui è aperta una biblioteca che raccoglie circa 1500 libri sul tema del panino. Grazie a PaninoItaliano saranno fruibili a tutti gli indirizzi italiani, oltre 400, dove poter assaggiare un panino di qualità, preparato rigorosamente al momento, con una menzione speciale per quelli certificati come i migliori.

--pubblicità--

Le “eccellenze” tra i panini che l’app ha raccolto in una sezione specifica sono soltanto dieci e rispondono a dei requisiti rigidi stabiliti dall’Accademia: sono fatti con pane fresco, farciti a mano e al momento con ingredienti italiani, di qualunque tipo essi siano. Per ognuno di questi panini speciali c’è un video in cui il creatore spiega come si prepara e da cosa è stato ispirato: da quelli con ingredienti più “rustici” al pane fatto con farine speciali, da quello street al panino gourmet: un vero e proprio viaggio da nord a sud, tra sapori e abbinamenti, tutti in mezzo a due fette di pane!

Photo credit: Pixabay.it