Misurare la pressione arteriosa con un'app sullo smartphone

Tenere sempre sotto controlla la pressione arteriosa tramite lo smartphone: l’idea di un team di ricercatori ha messo a punto un’app che permette di misurare la pressione e monitorarne i valori soltanto con la pressione del polpastrello 

Il monitoraggio della pressione arteriosa è importante, e andrebbe fatto regolarmente: grazie allo smartphone, si può rendere questa operazione ancora più semplice e veloce accantonando l’utilizzo del classico sfigmomanometro grazie all’idea di alcuni scienziati che hanno messo a punto un’app per misurare la pressione. Il team di ricercatori della Michigan State University ha infatti realizzato un kit composto da un hardware e un software che permettono di misurare con precisione la pressione arteriosa, rendendo così il telefono un valido sostituto del metodo tradizionale; i risultati della loro idea sono stati pubblicati su Science Translational Medicine.

L’utilizzo dell’app si è rivelato anche più accurato dei classici misuratori da polso per la pressione. Grazie ai sensori del telefono, viene presa come riferimento l’arteria palmare digitale: per misurare la pressione serve quindi un polpastrello. Il dispositivo sfrutta un sensore ottico e uno di forza posizionati in una custodia che si collega al retro del telefono: per misurare la pressione basta attivare l’app e poi posizionare il dito sul sensore. Bisogna tenere il telefono a livello del cuore, ed esercitare una corretta pressione con le dita, ma il 90 per cento delle persone sottoposte al test erano in grado di farlo dopo pochi tentativi.

--pubblicità--

L’app permette dunque di tenere sotto controllo la propria pressione arteriosa in modo conveniente ed è in grado di registrare le misurazioni giornaliere producendo una media precisa, molto più accurata rispetto ad una misurazione occasionale. I ricercatori intendono comunque continuare a lavorare sull’app per migliorarla ulteriormente, per fare passi sempre più importanti nel campo della cura e della prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Photo credit: Pixabay.it