Il primo supermercato al mondo senza plastica

Arriva da Amsterdam l’annuncio della catena Ekoplaza che ha appena inaugurato un intero reparto di un suo supermercato con prodotti in solo vetro, metallo o materiale compostabile: entro il 2018 esempio esteso a tutti i punti vendita

Nel pieno delle iniziative in tutta Europa per ridurre sempre di più l’utilizzo della plastica e della conseguente quantità di rifiuti che si trovano sia in mare che sulla terraferma, un segnale importante arriva dall’Olanda, e nello specifico nel settore dei supermercati, che ogni giorno producono quantità enormi di rifiuti in plastica a causa di confezioni e imballaggi per prodotti e alimenti: ad Amsterdam un supermercato ha aperto un intero reparto in cui la plastica è bandita: più di settecento prodotti sono esposti in materiale compostabile oppure vetro e metallo.

La novità viene da un punto vendita della catena di cibi biologici Ekoplaza, che ha inaugurato il primo reparto senza plastica promettendo di estendere l’iniziativa a ogni supermercato dei 74 presenti in Olanda entro la fine del 2018: secondo il presidente della catena Erik Does si tratta di un passo fondamentale da compiere, se si vuole rendere migliore il futuro. I clienti che già conoscono Ekoplaza per i prodotti bio, potranno dunque sperimentare l’efficacia dei materiali compostabili che sono sicuramente un’alternativa più rispettosa dell’ambiente rispetto agli imballaggi in plastica.

--pubblicità--

L’iniziativa, lanciata in collaborazione con il gruppo ambientalista “A Plastic Planet”, vuole dimostrare che è possibile vivere senza plastica anche nel mondo degli alimenti: si deve offrire ai clienti la possibilità di scegliere se acquistare la plastica, senza costringere a optare per questa a causa dei prezzi elevati dei materiali alternativi o di una presunta mancanza di qualità: secondo gli attivisti non vi è disparità fra plastica e materiali biologici, e il nuovo reparto del supermercato di Amsterdam sarà occasione per mettere alla prova i materiali alternativi.

Photo credit: Pixabay.it