Vivere vicino all'acqua fa bene: i benefici per corpo e mente

Non è solo un’impressione comune di chi vive vicino al mare e afferma di non sapersene allontanare: uno studio ha confermato che vivere vicino all’acqua ha effetti benefici sulla salute del corpo e della mente

Non è solo un’impressione: vivere vicino al mare, le rive di un lago o di un corso d’acqua, fanno particolarmente bene tanto alla mente quanto al corpo. Numerose ricerche hanno infatti confermato che le persone che vivono lontano dal mare hanno condizioni di salute meno buone rispetto a chi vive nei pressi di una spiaggia. Uno studio condotto dai ricercatori della Nuova Zelanda e della Michigan State University hanno scoperto che, in generale, vivere nei pressi dell’acqua ha benefici reali anche per la salute mentale.

Lo studio sull’importanza dello “spazio blu”, appunto come si definisce un luogo vicino all’acqua, è stato condotto a Wellington, città che affaccia sull’Oceano: i dati relativi alla visibilità degli spazi blu e verdi sono stati confrontati con quelli relativi alla scala di stress psicologico degli abitanti. I risultati hanno confermato che a prescindere da fattori determinanti come salute, livello di ricchezza, età e sesso delle persone, l’aumento delle “visioni” degli spazi blu corrisponde a livelli più bassi di disagio psicologico, in modo maggiore rispetto agli spazi verdi, probabilmente perché in questi esiste comunque un intervento dell’uomo che non rende lo spazio totalmente incontaminato.

--pubblicità--

Il sospetto dei ricercatori è infatti che a donare benessere sia la natura in generale, e che quindi potrebbe avere effetti importanti sul livello di stress vivere vicino a un bosco o una foresta, così come avere vicino a sé l’acqua. Fattori che poi spingono anche ad aumentare le attività fisiche o all’aria aperte in generale, con conseguente miglioramento della salute. Insomma: se c’è da scegliere una casa, bisogna senza dubbio trovarla vicino all’acqua!

Vivere vicino all'acqua fa bene: i benefici per corpo e mente

Photo credit: Pixabay