Stress: si combatte cucinando dolci per gli altri. Lo dicono gli psichiatri

Cucinare dolci, in  particolar modo se lo si fa per altre persone, aiuta a diminuire i livelli di stress e i problemi fisici e mentali ad esso collegati. Lo garantiscono gli psichiatri.

 

Cucinare dolci è terapeutico, soprattutto se lo si fa per altre persone. Un detto recita “Si cucina sempre pensando a qualcuno, altrimenti stai solo preparando da mangiare”, un concetto che sembra trovare consenso anche da parte degli psichiatri. “Sfornare dolci ha il beneficio di liberare l’espressione creativa delle persone. – Ha spiegato Donna Pincus, professoressa associata di psicologia e neuroscienza alla Boston University. – Esistono tantissime pubblicazioni che parlano della connessione tra espressione creativa e benessere generale. Che sia la pittura, la musica (o i dolci) c’è una diminuzione dello stress derivante dall’avere uno sfogo e un modo per esprimersi.”

--pubblicità--

Stress: si combatte cucinando dolci per gli altri. Lo dicono gli psichiatri

Diminuendo i livelli di stress, si attenuano anche quei problemi fisici e mentali ad esso connessi, come insonnia, tensioni muscolari e gastrite. Seguire la ricetta passo dopo passo, ed ammirare il prodotto finale dà un senso di ordine e di controllo su ciò che si fa. Inoltre, il profumo dell’impasto prima, e del dolce che cuoce in forno dopo, rappresentano una vera e propria aroma terapia. “Cucinare dolci significa pensare ‘passo dopo passo’ e seguire i dettagli del presente, ma significa anche pensare alla ricetta nel suo insieme, al piatto nel suo insieme, a cosa servirà, a chi sarà destinato, al momento in cui verrà condiviso, quindi è un ottimo modo per esercitare l’equilibrio tra il momento presente e il quadro generale” spiega Julie Ohana, operatrice socio-sanitaria e terapista di arte culinaria.

Tutti questi benefici vengono amplificati se si cucina per qualcun altro. Mentre si prepara il dolce, si inizia già ad assaporare il momento in cui verrà donato o condiviso con le altre persone. Cucinare diventa, quindi, una forma di altruismo ed un momento di socialità, in cui ci si sente non solo inclusi, ma veri protagonisti.

Photo credits: Pinterest