Svolta verde per regina Elisabetta: i ringraziamenti di Greenpeace

Svolta green per la Regina Elisabetta: il sovrano del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord ha ridotto l’utilizzo della plastica nelle residenze reali, così come si apprende dal sito della Bbc. La decisione è stata – ovviamente – apprezzata dagli ambientalisti di Greenpeace che si sono complimentati con lei…

Ennesima svolta green per la Regina Elisabetta che ha deciso di ridurre drasticamente l’utilizzo della plastica nelle residenze reali britanniche, almeno secondo quanto fa sapere il sito della Bbc e come riporta prontamente l’Ansa: “Le bottiglie di plastica verranno sostituite con quelle di vetro e in generale verranno preferite per imballaggi e confezioni le alternative biodegradabili. Le nuove misure riguardano in particolare Buckingham Palace, il castello di Windsor, e l’Holyrood Palace in Scozia”.

Un portavoce della Regina avrebbe affermato che così si vuole ridurre l’impatto sull’ambiente dei rifiuti prodotti nelle residenze e anche nei caffè aperti al pubblico al loro interno. Una decisione che è stata ovviamente apprezzata dagli esponenti di Greenpeace che si sono prontamente complimentati con lei: “E’ molto bello vedere come la regina si sia unita al movimento di persone, imprese e istituzioni che stanno consegnando la plastica usa e getta al cestino della storia”.

--pubblicità--

Ma non si tratta dell’unico progetto eco-sostenibile della Royal Family. Solo qualche giorno fa alla London Fashion Week è stata inaugurata la mostra The Commonwealth Fashion Exchange, dedicata alla moda etica nello sfarzo di Buckingham Palace. I capi proposti, esemplari unici realizzati in rigorosa corrispondenza con il decalogo di rispetto dell’ambiente e di eccellenza stabiliti dal Green Carpet Challenge, sono firmati tra gli altri da nomi del calibro di Karen Walker per la Nuova Zelanda, Bibi Russell per il Bangladesh, Burberry e Stella McCartney per la Gran Bretagna.

LEGGI ANCHE: STOP ALLA DEFORESTAZIONE IN GRAN BRETAGNA, SARANNO PIANTATI 50 MILIONI DI ALBERI

Photo Credits Facebook