Piante e gelo: come rimediare ai danni del freddo eccessivo

Il gelo improvviso, la neve e i forti venti possono mettere a dura prova i fiori in vaso e le piante da giardino. Ecco qualche consiglio per curarle e cercare di salvarle.

 

Burian, con il suo freddo siberiano, ha colpito con prepotenza tutta l’Italia, portando ovunque neve e temperature sotto lo 0. Ma alcuni meteorologi avvisano che potrebbe non essere finita qui. Il team di ilmeteo.it mette in guardia da “Big Snow”, una nuova perturbazione atlantica che arriverà sulle regioni del nord Italia mercoledì 7 marzo. Il brusco calo delle temperature, la neve e il ghiaccio mettono a dura prova anche i fiori e le piante. Ecco, dunque, qualche consiglio per curarle e cercare di salvarle.

--pubblicità--

Piante e gelo: come rimediare ai danni del freddo eccessivo

Protezione delle piante

La prima cosa da fare è cercare di proteggerle. Spostate i vasi in luoghi più riparati o, quando possibile, al chiuso. Per le piante e i vasi da esterno, procuratevi dei teli di tessuto non tessuto, dei particolari teli utilizzati per il giardinaggio le cui fibre di polipropilene o poliestere, sono unite tra loro in modo del tutto casuale e non intrecciate. Questo particolare tessuto rappresenta una valida barriera dal freddo e dalle precipitazioni. Potete avvolgere direttamente la pianta o utilizzare dei supporti per far sì che non sia a diretto contatto con le foglie.

Piante e gelo: come rimediare ai danni del freddo eccessivo

Pronto intervento per le piante

Controlla i sottovasi per togliere l’acqua stagnante o il ghiaccio, verifica anche nella terra dei vasi la presenza di eventuale ghiaccio e rimuovilo. Eliminate le parti morte, come rami secchi e foglie ingiallite. Se i fusti e le radici sono ancora vivi, trarranno giovamento dalla potatura. Se si tratta di piante da fiore, cercate di spostarle al chiuso. Innaffiate le piante solo se il terriccio non è umido, altrimenti aspettate che sia più asciutto.

Concime per dare nuova vita

A causa del freddo, fiori e piante possono essere rimaste senza nutrimento. È importante provvedere a concimare la terra in modo adeguato. Potete utilizzarne uno casalingo, fatto con avanzi di cibo, scarti del giardino e altri prodotti organici, lasciati a macerare nel composter, che garantirà una corretta e costante presenza di ossigeno, necessario a far sì che insetti, batteri e funghi agiscano nel composto. Altrimenti, potete rivolgervi ai rivenditori specializzati, indicando anche il tipo di pianta da trattare.

Photo Credits: Pixabay