Kiko Milano annuncia Green Me, linea sostenibile di cosmetici

Il noto marchio italiano di cosmetica più apprezzato nella fascia low-cost, Kiko Milano, lancia Green me, una capsule collection di make up e prodotti skincare sostenibili

Crulety-free, ecofriendly, sostenibilità: sono parole che nell’ambito della cura del corpo e della bellezza in generale sono sempre più entrate nel vocabolario generale. Per la donna moderna prendersi cura di sé scegliendo prodotti naturali per la propria pelle è diventato fondamentale: ecco che allora anche il marchio italiano di cosmetica tra i più amati della fascia low-cost, Kiko Milano, annuncia l’arrivo della prima linea sostenibile del marchio, Green Me. Per non rimanere indietro rispetto al mondo dedicato al trucco e alla cura della pelle che dimostra di essere sempre più green.

La linea Green Me di Kiko Milano sarà allora una collezione ispirata in tutto al rispetto dell’ambiente e alla sostenibilità per andare incontro alle clienti che sempre più sono attente ai prodotti che scelgono. La formulazione dei prodotti presenti nella collezione sostenibile di Kiko vedrà quindi un’alta percentuale di ingredienti naturali, compresi tra l’88 e il 100 per cento, a ridotto impatto ambientale.

--pubblicità--

Green Me, come tutte le ultime collezioni proposte dal marchio, comprenderà prodotti make up così come accessori e prodotti dedicati alla cura della pelle; alla base della nuova linea – che sarà limited edition – ci saranno l’olio di jojoba e quello di argan, il burro di karitè e l’aloe: tutti prodotti naturali già noti e amati per le loro proprietà, che andranno a comporre prodotti in tonalità tanto nude e naturali quanto accese e più di tendenza. Ciò che conta è che l’attenzione verso le componenti dei prodotti sta coinvolgendo sempre più le aziende che tengono conto delle rinnovate e più consapevoli scelte da parte delle clienti. Dunque per scoprire più dettagli non resta che aspettare metà marzo, data in cui la linea Green Me di Kiko sarà disponibile online e nei negozi.

Photo credit: Twitter.com