Le madri vegetariane avranno figli con dipendenze

Il risultato di uno studio dimostra come le mamme che non consumano carne mettono al mondo bambini che saranno dipendenti da fumo e alcol

Abitudini alimentari sempre nuove e alternative, con moltissime persone che sempre più decidono di consumare solo determinati alimenti, ma spesso senza riflettere sulle conseguenze. Uno studio, pubblicato su “Alcoholism: Clinical and Experimental Research” ha però recentemente mostrato come le madri vegetariane potrebbero provocare rischi alla salute dei propri bambini: le donne che mangiano poca carne (o non ne mangiano affatto) mettono al mondo figli che saranno dipendenti da fumo e alcol.

--pubblicità--

Le madri vegetariane sono state dunque oggetto di uno studio, coordinato dal dott. Hibbeln neuroscienziato nutrizionale presso l’Istituto Nazionale per l’abuso di alcol e l’alcolismo nel Maryland. La ricerca ha preso in considerazione 5000 donne con i loro figli. Il risultato relativo alle dipendenze dei figli di madri vegetariane ha fatto emergere fumo, alcol e a volte cannabis tra le dipendenze degli adulti. Ciò sarebbe legato a un gene che le madri vegetariane sviluppano in gravidanza e che porta poi alle varie dipendenze; tale gene, in grado di codificare la proteina che trasporta la vitamina B12, che si trova soprattutto nella carne bovina e di agnello, e di cui le persone vegetariane hanno carenza.

Fondamentale in gravidanza, la vitamina B12 aiuta a metabolizzare l’acido folico, che permette il corretto sviluppo del feto in gravidanza: i neonati di madri carenti di vitamina B12 hanno una scarsa crescita cerebrale, sviluppano irritabilità e ritardi nello sviluppo cognitivo e sociale, soffriranno di carenza di ferro, selenio e zinco. Secondo lo studio dunque è forte la correlazione tra la dieta vegetariana delle madri, la carenza di vitamina B12 e il successivo sviluppo di dipendenze dai figli a partire dall’età adolescenziale in poi. Ne consegue che un basso consumo di carne nel periodo prenatale può avere dei rischi da prevenire con integratori, o, ancor meglio, con un’alimentazione varia e completa.

Photo credit: Pixabay.it