Google rimuove sessanta App per bambini: contenevano immagini porno

Allarme lanciato dal sistema di sicurezza del Play Store di Google dove sessanta applicazioni fra quelle dedicate ai bambini contenevano virus e materiale pornografico

Allarme tecnologico per i genitori: molte App per bambini potrebbero nascondere banner con materiale pornografico. Nelle ultime ore infatti è stato comunicato da Google che Check Point, la società israeliana di cybersecurity il sistema di sicurezza download del Play Store che si trova su tablet e cellulari, ha individuato circa sessanta applicazioni, di cui molte dedicate ai bambini, per il sistema operativo Android che contengono virus e immagini porno. Tra queste vi sono giochi scaricati milioni di volte, come San Andreas City Craft, Lego Ninjago Drawing Lessons, Temple Crash Jungle Bandicoot o Drawing Lessons Angry Birds.

Le App sono state ora rimosse dal Play Store. Oltre al materiale pornografico, molte di queste contenevano, come rivelato da Google, dei codici definiti Adult Swine: una sorta di banner “advertisement” che inducevano l’utente, ingannandolo, a cliccare per rimuovere fantomatici virus presenti sul proprio dispositivo installando falsi antivirus, oppure pop-up che invitavano a inserire il proprio numero di telefono per vincere un premio, come un Iphone. Banner del genere spesso diventano una “porta” per attacchi informatici volti a prelevare dal telefono credenziali riservate e dati personali dell’utente. Di conseguenza alto è il rischio che in tranelli del genere cadano soprattutto i bambini, che spesso utilizzano i dispositivi senza supervisione di un adulto.

--pubblicità--

Sono state inserite in una lista, con i relativi download, tutte le App bloccate e rimosse da Google, nel report realizzato dagli addetti alla sicurezza, per mettere in allerta gli utenti da nuove intromissioni di questo tipo, a causa dell’elevato numero di persone che hanno scaricato queste applicazioni. La seconda raccomandazione è quella di prestare comunque attenzione quando ad utilizzare il telefono sono bambini, che non andrebbero comunque mai lasciati da soli con i dispositivi elettronici di cui non si conoscono totalmente i contenuti.

Photo credit: Pixabay.it