Il carrello della spesa è sempre più biologico per milioni di italiani

Al supermercato i consumatori italiani dimostrano un maggiore approccio etico e una profonda attenzione al biologico, che esce dalla nicchia di mercato per entrare nella grande distribuzione 

 

I consumatori italiani al supermercato diventano sempre più attenti ed esigenti, scegliendo con cura cosa mettere nel proprio carrello della spesa. Negli ultimi anni, un numero crescente di persone si è avvicinate al mondo del biologico, sia per una scelta etica, nel rispetto dell’ambiente, sia perché considerato più salutare. A fronte di una richiesta sempre maggiore, il BIO esce finalmente dai negozi specializzati per entrare a pieno diritto anche sugli scaffali della grande distribuzione, dai supermercati ai discount. In risposta alle nuove abitudini di consumo, la maggior parte delle grandi insegne, da COOP a Carrefour, ha lanciato la propria linea bio. Secondo i dati diffusi da Bio Bank, oltre il 90% dei prodotti certificati Fairtrade, marchio di certificazione etica, oggi viene acquistato proprio all’interno dei grandi supermercati.

--pubblicità--

Il carrello della spesa è sempre più biologico per milioni di italiani

Secondo i dati di AssoBio, presentati nell’ambito dell’ultima edizione di MarcabyBolognaFiere, il Salone Internazionale dedicato ai prodotti a Marca del Distributore, sono oltre 20 milioni le famiglie italiane che nel 2017 hanno scelto di consumare prodotti biologici, un milione in più rispetto all’anno precedente. “Mangiare bio vuol dire mangiare sano e sicuro: l’esclusione degli Ogm e dei pesticidi dall’intero ciclo produttivo, la drastica riduzione degli additivi, la riscoperta dei sapori autentici, un sistema di controllo che certifica la conformità a norme europee sono gli elementi cardine che spingono i consumatori a fare questa scelta” ha commentato Roberto Zanoni, presidente di AssoBio.

Vantaggi di un’alimentazione con prodotti biologici

  • Non contengono OGM e presentano bassissime quantità di additivi e sostanze potenzialmente tossiche, come i pesticidi;
  • Solitamente contengono quantità maggiori di vitamine, di sali minerali e di antiossidanti;
  • Non vengono sottoposti a processi di maturazione innaturali, che spesso implicano l’impiego di appositi gas che vanno ad impattare sull’ambiente;
  • La certificazione di agricoltura biologica concessa dall’Unione Europea è vincolata al rispetto di norme molto rigide, che garantiscono un’alta qualità del prodotto finale.

 

Photo Credits: Flickr