Arriva Shapa, la bilancia smart che non segna il peso

L’invenzione di una bilancia che non comunica un numero ma un colore riferito al proprio stato. Con i consigli per migliorare le proprie abitudini

La prima bilancia che non scoraggia chi si trova ad affrontarla durante la propria dieta, ma che al contrario diventa un sostegno nel corso del percorso nutrizionale: si chiama Shapa, ed è la prima bilancia che non misura il peso, o meglio non lo comunica a chi la sta usando, perché il suo obiettivo è correggere le abitudini sbagliate elargendo consigli e buona norme comportamentali.

Shapa, la bilancia intelligente, è l’invenzione dello psicologo ed economista Dan Ariely, e comunica tutta una serie di informazioni importanti per rimanere in forma dopo aver elaborato i dati sul peso. La prima è un colore: cinque tonalità che vanno dal celeste al verde al nero, che indicano se si è normopeso, sovrappeso o sottopeso, dividendo tra massa ossea e muscolare. Seguono poi i consigli per migliorare la propria vita quotidiana, per seguire in modo corretto la dieta e quindi arrivare a tingere la bilancia di verde. Il tutto tramite un’App sullo smartphone da cui arrivano informazioni e missioni da compiere durante il giorno, come pulire la propria camera o ricordarsi di alzarsi dalla scrivania ogni due ore.

--pubblicità--

L’obiettivo è quello di raggiungere il peso ideale senza concentrarsi sul peso in sé, che è un numero che può generare frustrazioni e ansie senza portare a risultati: mantenendo invece come meta degli obiettivi generali, lavorando sulla propria routine senza preoccuparsi di ciò che dice la bilancia, i risultati saranno raggiunti con minor fatica e maggiore gratificazione: il tutto con semplici e piccoli cambiamenti da fare ogni giorno. Shapa costa per il momento 129 dollari (più 10 per sottoscrivere un abbonamento mensile) e permette di creare un vero e proprio percorso personalizzato per tornare in forma.

Photo credit: Pixabay.it