Uniti One, l'auto elettrica svedese che ti regala cinque anni di energia

Grazie all’accordo con un produttore di energia, l’auto elettrica, disponibile dal 2019, includerà 5 anni di fornitura di energia fotovoltaica gratuita

 

Dal 2019 la strat up svedese Uniti lancerà sul mercato Uniti One, una microcar elettrica omologata L7e, che potrà essere alimentata ad energia solare. L’auto, presentata ufficialmente qualche giorno fa sarà messa in vendita come modello base ad un prezzo di 15.000 euro, e, grazie ad una partnership con E.ON, società europea del settore energetico, includerà anche una fornitura gratuita di energia fotovoltaica per ben cinque anni e un chilometraggio fino a 60.000 km.

--pubblicità--

Uniti One, l'auto elettrica svedese che ti regala cinque anni di energia

Un’auto biposto leggera, dal peso non superiore ai 400 chilogrammi batterie non incluse, necessari per ottenere l’omologazione L7e, con tutte le caratteristiche tipiche dell’auto elettrica, come l’heads-up display, lo sterzo elettrico drive by wire, alcune funzionalità di guida assistita e carrozzeria in fibra di carbonio. La batteria offrirà una autonomia massima dichiarata di 300 km mentre il motore non supererà i 15 kW di potenza, e una velocità di ricarica pari a 200 km di autonomia in mezz’ora. La One è in grado di raggiungere gli 80 km/h in 3,5 secondi (nella modalità di guida più sportiva) con una punta massima di 130 km/h.

La produzione stimata sarà di circa 50 mila modelli all’anno, nella città di Landskrona, in Svezia, con una filiera interamente sostenibile. Sul sito ufficiale è già possibile prenotare un esemplare con il pagamento di una caparra (rimborsabile) di 149 euro. Sono già oltre mille i pre ordini fatti per assicurarsi uno dei primi modelli dell’auto

Un veicolo pensato principalmente per gli spostamenti in città, che si rivolge ad un segmento di mercato a medio-alto reddito, che la sceglie come seconda auto o anche come prima macchina, e in particolare per i millenials, cioè le persone nate tra gli anni ottanta e i primi del duemila, con una forte sensibilità ai temi legati all’ambiente e alle energie rinnovabili.