SlipBuddy, l'app per combattere l'obesità e le sregolatezze a tavola

SlipBuddy non è un semplice conta calorie, ma un’app che vuole rieducare ad un’alimentazione più sana, in grado di predire quando si eccederà 

 

Dagli studi realizzati congiuntamente da Worcester Polytechnic Institute (WPI),nel Regno Unito, e dell’americana University of Connecticut (UConn) sta per arrivare SlipBuddy, un’app innovativa che contribuirà ad aiutare milioni di persone in tutto il mondo nella lotta all’obesità e alla sovralimentazione. Non si tratta dell’ennesima applicazione conta calorie o che promuove la dieta del momento (ad oggi sono quasi ventinovemila le app correlate al peso corporeo), ma un’applicazione che vuole rieducare l’utente al rapporto con il cibo, guidandolo verso un’alimentazione più sana e bilanciata.

--pubblicità--

SlipBuddy, l'app per combattere l'obesità e le sregolatezze a tavola

Obiettivo di SlipBuddy è ottenere un cambiamento dei comportamenti alimentari che sia duraturo nel tempo, lontano dalle diete solo di privazioni, impossibile da seguire per più di qualche settimana. Gli utenti potranno creare il loro profilo personale dove, oltre a dati su sesso, età, peso e altezza, dovranno inserire parametri legati al loro stile di vita. Dovranno collegarsi tre volte al giorno, inserendo i livelli di stress e stanchezza, le ore di sonno, e ogni volta che credono di aver ecceduto a tavola. L’app elaborerà tutte le informazioni e, attraverso degli algoritmi complessi, creerà dei modelli comportamentali personali in grado di predire quando l’utente mangerà in eccesso e avvisarlo.

È questa la parte più innovativa dell’app, che introduce tra i parametri di calcolo anche variabili psicologiche che le consentirebbero di capire da cosa sia dovuta la sovralimentazione di quel determinato individuo, ad esempio, se mangia cibo spazzatura davanti alla Tv, se si alza di notte sgranocchiando snack ipercalorici o dolci, o se gli eccessi alimentari si verificano dopo notti insonni. I ricercatori stanno ancora perfezionando il prodotto, al fine di rendere l’interfaccia graficamente più piacevole e di utilizzo semplice ed immediato, ma stanno anche valutando la possibilità di integrare strumenti clinici nel sistema. L’applicazione dovrebbe essere lanciata sul mercato nel 2019 e sarà disponibile per i sistemi operativi Android e iOS.

Photo Credits: Pinterest