Orange Fiber, dalla Sicilia il tessuto che nasce dalle arance

Quando da un problema di smaltimento rifiuti nasce l’innovazione: è Orange Fiber, il progetto di due siciliane che hanno creato un tessuto riciclando le bucce delle arance

Dall’amore per la propria terra e i suoi prodotti all’idea da cui prende forma un progetto di riciclo intelligente e un’industria innovativa e sostenibile: è il progetto Orange Fiber, “figlio” delle siciliane Adriana Santanocito ed Enrica Arena, fondatrici di una startup di moda ecosostenibile che propone filati e tessuti a base del frutto simbolo della loro terra, la Sicilia: le arance. Un’idea sicuramente tra le più interessanti nell’ambito del made in Italy e nel settore della moda, dove la filosofia green è sempre più abbracciata dalle case di abbigliamento che cercano di riutilizzare prodotti di scarto e produrre nuovi filati con materiali innovativi ed ecologici al tempo stesso.

Orange Fiber parte da un problema, ovvero quello dello smaltimento dei residui delle arance, che in Sicilia sono un rifiuto ingombrante, complicato da smaltire. Da qui, l’idea di riutilizzarli e renderli una risorsa. Il filato a base di arance viene ricavato dalla cellulosa estratta dalle bucce degli agrumi siciliani, da cui si ottiene un tessuto che non è semplicemente un pezzo di stoffa. Grazie ad una tecnologia avanzata è infatti possibile fissare sulla stoffa gli oli essenziali delle arance che idratano la pelle di chi indossa gli abiti, ricevendo nutrienti come le vitamine A e C. Azione nutriente che è garantita per circa venti lavaggi, ma per cui si sta studiando uno speciale ammorbidente capace di prolungarne l’effetto.

--pubblicità--

L’idea rivoluzionaria ha attirato l’attenzione di aziende e case di moda, e il tessuto a base di arance è pronto per avere un successo internazionale: l’ultimo riconoscimento è arrivato addirittura da Salvatore Ferragamo, azienda nota per la sua politica eco-friendly, che ha scelto Orange Fiber per realizzare una capsule collection ispirata in colori e suggestioni alla cultura mediterranea.

Photo credit: Pinterest.it