Da Google arriva Getting Around, novità per la mobilità urbana

Getting Around è l’innovativo strumento per combattere il traffico cittadino, evitando ingorghi e ritardi, che andrà a completare l’offerta di Google Assistant

 

Il traffico è uno dei maggiori problemi quotidiani nelle grandi città. Quante volte volte capita di far tardi a lavoro o a un appuntamento importante a causa di ingorghi di auto e strade congestionate? Un problema che si acuisce in caso di forte maltempo o sotto le festività, a causa della frenetica caccia al regalo dell’ultimo minuto. Fide alleate dell’automobilista in questa giungla cittadina sono da sempre le app con mappe e viabilità, come Google Maps, che ci mostrano i punti con maggior traffico suggerendoci alternative più rapide. Ora, con un semplice tap sul nostro smartphone, possiamo avere un ulteriore strumento anti-traffico. Sempre da Google, infatti, arriva ora un ulteriore utile strumento che può agevolare la nostra mobilità di ogni giorno: Getting Around.

--pubblicità--

Da Google arriva Getting Around, novità per la mobilità urbana

Cos’è Getting Around

Tra gli strumenti che il colosso informatico propone per semplificarci la vita c’è Assistant, il neonato sistema di intelligenza artificiale, da poco disponibile anche in Italia e in italiano. Al fianco di funzioni per chiamate e messaggi, si aggiunge ora Getting Around che tramite un sistema di intelligenza artificiale farà dei sondaggi ai propri utenti, andando a delineare le loro abitudini di spostamento, dove vanno, che strade percorrono e con quale mezzo. L’algoritmo di Google elaborerà poi il percorso migliore da compiere in quel determinato momento, tenendo conto di tutte le variabili.

Come avere Google Getting Around

Come avvenuto anche in occasione del rilascio delle piattaforme Google Assistant Italiano, l’upgrade avverrà attraverso i server, e gli utenti non dovranno fare alcuna procedura, né scaricare alcuna app, solamente attendere con pazienza il rilascio dello strumento. Lo strumento sarà disponibile per tutti i device Android, versione 6.0 e successive, inclusi quelli equipaggiati con Android Lollipop, ed i tablet.

Photo credits: Pinterest