Tre nuovi progetti Nissan per un futuro ecosostenibile

Nissan si impegna per garantire un migliore accesso alle risorse nei paesi a rischio nel mondo: tre progetti per rilanciare produzione e diffusione di energia elettrica

Sono stati annunciati e illustrati nei dettagli durante la terza edizione dell’evento Nissan Futures 3.0 i tre nuovi progetti di ecosostenibilità che l’azienda nipponica ha intenzione di intraprendere nel campo dell’energia e della mobilità. Un occhio al futuro che Nissan ritiene necessario rivolgere alle comunità ritenute più a rischio, e l’obiettivo di sfruttare l’alimentazione delle batterie elettriche fuori dall’automobile. Questo perché, come affermato nel corso dell’evento, molte persone non hanno ancora accesso all’elettricità al giorno d’oggi, e questo non è accettabile.

Partendo dal presupposto che la crescita a dismisura della popolazione globale porterà a una sempre più difficile gestione delle risorse, Nissan ritiene che peggioreranno problemi come la qualità dell’aria, l’accesso all’energia, i cambiamenti climatici. In veste di innovatori, Nissan vuole dunque costruire un futuro in cui l’elettricità sia accessibile per tutte le popolazioni, in maniera equa e sostenibile, intervenendo nei luoghi più critici del mondo. Oggi, infatti, ancora 1,3 miliardi di persone vivono in luoghi in cui la produzione di energia è limitata e l’accesso all’elettricità un’utopia.

--pubblicità--

I tre progetti saranno lanciati in via sperimentale nel corso del 2018, per poi essere valutati durante l’anno. In caso di comprovata efficacia, Nissan deciderà come e dove implementarli su larga scala, integrandoli se lo riterrà necessario. Nello specifico, i tre progetti riguardano: “Comunità locali” (con la diffusione di veicoli elettrici), un nuovo sistema di microrete, nei paesi che sono in via di sviluppo (fonte di energia sostenibile affinché sia garantito a tutti un migliore e maggiore accesso ai servizi di base), e Partnership con organizzazioni che operano in zone particolarmente soggette a calamità naturali. Il fine sarà quello di migliorare in tutti e tre i casi la vita delle persone nella loro quotidianità, garantendo loro servizi di base.

Photo credit: Pinterest.it