Arriva la carne green, da una filiera ecosostenibile

Nasce in provincia di Ferrara una stalla ecosostenibile per rilanciare la produzione e il consumo della carne, gradualmente scomparsa dalle tavole degli italiani.

Nel giro di dieci anni, sulle tavole degli italiani è gradualmente scomparsa la carne: fattore economico, tendenze vegetariane e informazione demonizzante nei confronti della classica “fettina di carne”, hanno ridotto del 23% gli acquisti, come affermato dalla Coldiretti che monitora i dati del settore. Creata per rilanciare il consumo è arrivata allora la carne green, dalla prima filiera di carne 4.0 totalmente ecosostenibile.

Una rinascita per contrastare le tendenze secondo cui mangiare troppa carne fa male, e che comunque gli allevamenti danneggiano gli animali e l’ambiente. La filiera dove nasce la prima carne green si trova a Jolanda di Savoia (Ferrara), in una stalla totalmente ecosostenibile inaugurata anche dai ministri della Salute e delle Politiche agricole. Un segnale per rilanciare la rinascita di un settore che ha visto chiudere quattromila stalle dal 2010, con un numero di animali allevati sceso a meno di 6 milioni, cifra più bassa dal dopoguerra. Ciò non significa però che sia diminuito il consumo allo stesso modo: al contrario, quasi la metà della carne consumata in Italia viene importata. I danni che derivano dalla chiusura delle stalle non riguardano soltanto il sistema vendita, quanto di un fallimento che coinvolge persone impegnate da generazioni anche a combattere il degrado e lo spopolamento di alcune zone d’Italia.

--pubblicità--

Il punto di partenza per una rinascita è quindi puntare all’ecosostenibilità e alla qualità, per riportare sulle tavole italiane una carne green ma di eccellenza. La stalla in provincia di Ferrara prevede 10 strutture su 33mila metri quadri che possono ospitare cinquemila animali. L’alimentazione è composta da alimenti provenienti dall’azienda, il letame viene recuperato e usato come fertilizzante dei suoli. Doppi abbeveratoi, ventilazione centralizzata e tutto il complesso delle strutture rendono il nuovo centro il nuovo fiore all’occhiello italiano per l’allevamento dei bovini in modo ecosostenibile. Perché mangiare carne green è possibile.

Photo credit: Pinterest.it