Casa biologica: costruita la prima abitazione fatta di scarti agricoli [FOTO]

Avete mai sentito parlare di casa biologica? Si tratta di un’abitazione fatta interamente di scarti agricoli ed è stata costruita per la prima volta in Danimarca. Ecco tutti i dettagli riguardo questa bella iniziativa che tutti sperano possa arrivare anche nel Bel Paese…

Avete mai sentito parlare di casa biologica? Si tratta di un edificio modulare ed ecocompatibile, con una bassa impronta di carbonio, che può essere smontato e spostato, con una bella novità: si tratta della prima abitazione fatta interamente di scarti agricoli (per la precisione realizzata con erba, paglia, gambi di pomodoro e trucioli di legno) ed è nata in Danimarca, nello specifico nella cittadina di Middelfart.

Gli scarti naturali, che generalmente sarebbero stati bruciati, al contrario sono stati trasformati in materiali grezzi da costruzione. A dare vita a questo bel progetto è stata l’azienda locale Een Til Een insieme ad altre società, usando le risorse del Fondo per la costruzione ecologica del ministero danese dell’Ambiente. Secondo quanto riporta il sito Rinnovabili.it “gli architetti hanno utilizzato la tecnologia Kebony, che consiste nell’impregnare legname da fonti sostenibili con una miscela liquida a base di alcol furfurilico, prodotto da rifiuti agricoli”.

--pubblicità--

Accade sempre in Danimarca…

La Danimarca non è nuova a queste novità. Basti pensare che solo da qualche giorno è stata inaugurata la Lego House dopo ben tre anni di lavori: si tratta di una casa realizzata con 21mila maxi mattoncini. Progettata dal celebre studio di architettura Bjarke Ingels Group, si trova a Billund, la città che ha dato i natali alle famose costruzioni giocattolo. All’interno di questa particolare abitazione si trovano istoranti, un grande negozio, spazi per giocare, una sala conferenza, inoltre sono esposte alcune sculture realizzate con i mattoncini, mentre in un museo è possibile ripercorrere la storia del brand.

LEGGI ANCHE: BIOSPHERA, LA CASA DEL FUTURO A IMPATTO ZERO

Photo Credits Facebook