Ciclo mestruale: un'app permette di alleviare i dolori

Il ciclo mestruale, si sa, è sempre molto delicato per le donne. Spesso i dolori sono davvero forti ed è davvero difficile alleviarli. Con l’avvento della tecnologia corre in loro aiuto un’applicazione che insegna dove e come spingere per ridurre crampi e fastidi. Ecco come funziona…

Alcuni ricercatori svizzeri coordinati da Claudia Witt dell‘Institute for Complementary and Integrative Medicine dell’Università di Zurigo hanno ideato un’applicazione per smartphone che permette alle donne con il ciclo mestruale di auto-applicare la digitopressione per alleviare i dolori. Il gruppo di lavoro ha sviluppato questa app di nome AKUD e ha pubblicato la ricerca sull’American Journal of Obstetrics and Gynecology.

La digitopressione è originaria della medicina cinese e si basa sulla stimolazione di alcuni punti di pressione del corpo per favorire il benessere. Basta schiacciare alcuni punti speciali, senza però premere troppo e allo stesso tempo né troppo poco. È necessario trovare la giusta misura in modo da sentire pressione senza che faccia troppo male. Alcuni studi precedenti hanno dimostrato che questa tecnica riesce ad alleviare anche i dolori, compresi appunto quelli mestruali. I ricercatori hanno allora preso in considerazione per sei mesi 221 donne di età compresa tra i 18 e i 34 anni, divise in due gruppi: un primo gruppo doveva usare l’applicazione e l’altro la stessa ma che non dava reali indicazioni sui punti di pressione.

--pubblicità--

Le donne che avevano utilizzato l’app di digitopressione riportavano dolori mestruali significativamente inferiori rispetto a quelle che non avevano usato questa tecnica. E non solo. Le stesse donne hanno avuto anche una probabilità inferiore di usare antidolorifici e hanno avuto periodi di ciclo doloroso più brevi. “È consigliabile – ha dichiarato la stessa Witt – provare prima gli interventi non farmacologici con un buon profilo di sicurezza, prima di usare un antidolorifico che può avere effetti collaterali”.

Photo Credits Facebook