Austria Turismo sta presentando in questi giorni a Milano, Padova e Roma l’installazione di Airship – Bosco Culturale itinerante, un prototipo unico al mondo. Si tratta di un progetto che potremmo definire un’unità ibrida di vegetazione boschiva e design contemporaneo, fa vivere la natura e la cultura con tutti i sensi percettivi ed è nato da uno scambio intenso di idee tra architetti, designer, tecnici ed esperti di cultura ad Expo 2015. “Airship” Bosco Culturale itinerante è l’espressione di una nuova tipologia mobile e temporanea, un prototipo di uno spazio di microclima e di respiro a disposizione delle città. Il visitatore lo sperimenta attraverso i sensi e contemporaneamente è stimolato a riflettere su aria e clima, come sfide del nostro tempo. L’allestimento tematizza, oltre ad aria e clima, il bosco, una delle risorse più importanti della nostra biosfera. Inizierà il suo viaggio itinerante proprio a Padova dove rimarrà in Piazza Cavour per cinque giorni consecutivi.

 

Tecnologia al servizio della natura

--pubblicità--

La struttura di Airship, di forma circolare, si presenta come un’unità ibrida di vegetazione boschiva e design contemporaneo, Dall’esterno i passanti vengono incuriositi dalla copertura traslucida, alta cinque metri; all’interno, il visitatore rimarrà affascinato dalla vegetazione boschiva austriaca, estasiato dalla fresca aria di bosco prodotta da piante alpine, che regalerà al pubblico, nel mezzo della calura della città, refrigerio per tutti i sensi percettivi. 93a0f5a5-6655-4de8-99d9-19b0a25dc354Lo spazio di microclima e respiro a disposizione delle città è unico al mondo, capace di unire in maniera innovativa tecnologia, cultura e natura e risvegliare la curiosità di trascorrere una vacanza in Austria. Particolare la sovrapposizione culturale che si viene a creare grazie a “lettere volanti”, raffiguranti la relazione con le regioni partner di Austria Turismo in questo progetto. Forma e costruzione dell’allestimento sono riprodotte secondo precise regole climatiche generando un vero e proprio “lago d’aria fresca”. La cupola rimane aperta in alto, per rendere percepibile la relazione con l’atmosfera, e rappresenta i differenti ecotipi boschivi che dipingono i tipici paesaggi austriaci: ambiente alpino, media montagna, regione danubiana. Entrando all’interno del “Bosco Culturale itinerante” si parte per un viaggio immaginario da nord a sud, tra la magica natura austriaca e i suoi borghi incantati, inoltre, come spiegato, il visitatore sarà guidato da alcune parole “tema” posizionate all’interno di “Airship” che lo coinvolgeranno in questo percorso culturale, spaziando dall’arte alla musica e all’architettura. La sera, sempre grazie alla copertura translucida, si creeranno suggestivi giochi d’ombra dovuti alle luci riflesse dalle piante. La qualità dell’aria e la varietà delle bellezze naturali sono due peculiarità dell’Austria, dove crescono qualcosa come 3,5 miliardi di alberi su circa la metà del territorio nazionale. Per questo motivo i temi centrali dell’installazione sono l’aria, vista come alimento, gli spazi freschi e i luoghi refrigeranti nelle città dove fermarsi, oltre al rapporto con la nostra atmosfera e il futuro delle città sempre più calde. Grazie al progetto “Bosco Culturale itinerante” si vuole trasmettere questi valori nei contesti urbani. Dopo l’appuntamento di Padova, l’installazione proseguirà per Milano e Roma.

 

Il bosco delle meraviglie

I visitatori di Airship possono entrare nel Bosco Culturale passando da un ingresso regolato. All’interno, dunque, come novelli Alice nel Paese delle Meraviglie, ci si troverà in una fitta vegetazione boschiva austriaca, una metaforica camera boschiva delle meraviglie. La fresca aria di bosco, prodotta da piante austriache, regalerà al pubblico, nel mezzo della calura della città, refrigerio per tutti i sensi percettivi. Forma e costruzione dell’allestimento sono riprodotte secondo precise regole climatiche e, grazie alla tecnologia applicata alla natura, si crea un “lago d’aria fresca” per il refrigerio. La struttura rimane aperta in alto, per rendere percepibile la relazione con l’atmosfera. La sovrapposizione culturale, come già detto, è data da “lettere volanti”, 777ff5ca-f3ca-446d-9a33-b9edb00338b1che raffigurano la relazione con le regioni partner di Austria Turismo in questo progetto. «Airship: Bosco Culturale è un’installazione, che unisce in modo innovativo natura e cultura, risvegliando la curiosità di trascorrere una vacanza in Austria», così descrive il progetto Michael Strasser, Region Manager di Austria Turismo in Italia. «All’interno del Bosco Culturale itinerante i visitatori possono sedersi su panche di legno, respirare l’aria fresca di bosco e trovare un po’ di calma, staccando dalla frenetica vita cittadina. La cultura dell’Austria, in virtù del 50% di superficie boschiva, è in stretta relazione con questo patrimonio ambientale. Il Bosco Culturale itinerante va oltre il semplice progetto di architettura; è in grado di raccontare storie, di creare legami fra natura e cultura e invita al dialogo». Aria e clima uniscono tutti gli esseri viventi del nostro pianeta. Secondo i numeri della Who, ogni anno più di 5,5 milioni di persone perdono la vita a causa delle conseguenze dell’inquinamento atmosferico. Per questo motivo i temi centrali dell’installazione sono l’aria, vista come alimento, gli spazi freschi e i luoghi refrigeranti nelle città dove fermarsi, oltre al rapporto con la nostra atmosfera e il futuro delle nostre città sempre più calde.

 

Il team di Airship

Gli ideatori del progetto sono del team di Breathe.earth.collective, fondata nel 2015 per sviluppare nuove idee e soluzioni per legare in futuro l’ambiente edificato con le proprietà dei processi naturali. La metodologia di lavoro non gerarchica segue vie non convenzionali, per sviluppare nuove soluzioni e vincere sfide complesse. Aria e clima, così come i d7148ce2-c947-45e3-adab-9b9c81c4170fcambiamenti sociali, sono al centro del loro lavoro, che si esprime soprattutto grazie a prototipi innovativi e nuovi percorsi integrati. Tutti i fondatori, oltre a far parte di breathe.earth.collective, lavorano in studi propri in differenti campi. I soci sono stati coautori del progetto di successo “Breathe.Austria”, il Padiglione Austriaco ad Expo Milano 2015 del team.breathe.austria. Breathe.earth.collective è stato fondato da Lisa Maria Enzenhofer, Karheinz Boiger, Andreas Goritschnig, Markus Jeschaunig e Bernhard König a Graz in Austria.